Mercoledì 23 Ottobre
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicità
Home Attività Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
» Si scatena la protesta sulla riqualificazione di San Silvestro «
Su San Silvestro si scatena la battaglia cittadina: cori e striscioni, prima del Consiglio comunale di giugno, contro la riqualificazione del centro sportivo. Poi, dalla “piccionaia”, fischi, critiche o applausi rivolti ai politici chieresi. Ma la maggioranza non si lascia “intenerire” e continua per la sua strada, bocciando la mozione presentata dal Pd per bloccare l’opera.

La proposta, sostenuta anche da Movimento Cinque Stelle e Rifondazione comunista, è stata presentata dopo che sono state raccolte oltre 2.500 firme tra i chieresi. Un centinaio di loro si sono presentati davanti al municipio al grido di «Giù le mani dal centro sportivo». Un altro slogan, intonato come coro, era «San Silvestro è di ogni bambino. Privatizzate il vostro giardino». Poi «Non solo calcio: lasciate arco, tennis, pallavolo e pallacanestro a San Silvestro».

Eppure la mozione non ha portato i risultati sperati, nonostante le pesanti critiche provenienti dall’opposizione. Introduce Roberto Foglio di Progettazione chierese: «Sosteniamo la richiesta del Partito Democratico, cui potrebbe fare seguito un referendum. Intanto sospendiamo la decisione, parliamone con calma per il bene dei chieresi. E’ un intervento invasivo: a prescindere dagli spazi pubblici, sono previsti due lotti tra cui potrebbe passare tanto tempo».

Ribatte Gregory Vasino, capogruppo del Pdl: «Ci sono tre motivi fondamentali per avviare in fretta quest’opera: bisogna risolvere la carenza di impianti sportivi, dando una risposta ai 3.500 ragazzi che praticano sport a Chieri; ricollocare il campo sportivo Buozzi, necessità ormai improrogabile; riqualificare San Silvestro, destinato a diventare un polo sportivo ma anche aggregativo». Il consigliere fa notare che le aree pubbliche, al termine dei due lotti, non subiranno riduzioni sostanziali: «Il parco giochi non verrà toccato, ma sarà integrato da subito con una nuova area per il gioco libero dove oggi c’è la pista di pattinaggio. I campi da tennis e calcetto verranno spostati nella seconda fase (ma saranno solo tre al posto degli attuali sette, N.d.R.). Infine Chieri avrà finalmente una palestra polivalente utilizzabile da tutti».

Il riferimento è all’impianto per pallavolo e basket che sorgerà al posto del campo da rugby. In realtà non fa parte dell’intervento di riqualificazione, ma sarà costruito e gestito da privati a fronte di un canone comunale.

Vasino conclude il suo intervento ricordando il piano particolareggiato approvato nel 2009 dalla Giunta Gay: «Il Comune avrebbe speso quasi 12 milioni per un libro dei sogni che smantellava la pista di pattinaggio per creare un campo da calcetto coperto; i campi polivalenti sarebbero stati ridotti; la palestra avrebbe avuto 300 posti invece dei 700 della nostra; il Chieri calcio non si sarebbe trasferito a San Silvestro perché l’allora maggioranza aveva pensato di ricollocarlo a Tetti Fasano: altri terreni, altri soldi, altri sogni. Invece il progetto attuale offre miglioramenti fattibili e immediati alla città».
 
Aggiunge Antonio Vigliani, assessore al bilancio: «All’epoca si parlava di centro sportivo, perché solo oggi San Silvestro viene definito un parco? E poi anche quell’opera sarebbe stata a lotti».

Ribatte Roberto Quattrocolo a nome del Pd: «Anche il sindaco Francesco Lancione aveva un libro dei sogni: con il Progetto città, inizialmente, si prevedevano oltre 12 milioni di riqualificazione, più di quanto proponeva Agostino Gay. Ma poi avete cambiato idea ed entrambi i progetti sono il passato. Non c’interessano più, guardiamo al futuro e all’unico polmone verde fruibile dalle famiglie e da persone di età e nazionalità diverse».

Poi il consigliere prende un foglio di carta e inizia a farlo a pezzi: «Come fate a dire che ci saranno più spazi pubblici? La superficie, come per questo foglio, è sempre la stessa: se metti la palestra, i campi da calcio e tutto il resto (strappa la carta, N.d.R.), cosa rimane? Quel luogo è unico e irripetibile: i chieresi vogliono ragionare su questo tema, tutti insieme».

Tonino Sidari (Politica dei cittadini), l’assessore allo sport Franco Bosco e il sindaco Lancione aprono all’opposizione: «Facciamo una riunione aperta con i tecnici che spieghino la nostra proposta: il foglio strappato spaventa ma la realtà è diversa. Abbiamo ascoltato le richieste delle associazioni e siamo vicini ad accontentarle: ci dobbiamo fermare proprio adesso? Forse è mancata la comunicazione, possiamo discuterne e magari fare delle modifiche, ma la politica non deve “cavalcare” la situazione facendo riferimento solo al primo lotto».

Poi Raffaele Furgiuele si fa portavoce dei chieresi in “piccionaia” e chiede i tempi dell’intera operazione: «La palestra partirà tra tre o quattro mesi – risponde Bosco – Entro fine anno partirà il primo lotto; subito dopo, speriamo, ci sarà il secondo».

La maggioranza sembra dividersi: da una parte c’è chi vuole ascoltare le istanze dei 2.500 cittadini che hanno firmato la petizione contro il progetto; dall’altra chi è convinto della bontà dell’opera e vuole procedere senza perdere tempo. Alla fine sembrano prevalere i secondi: la mozione viene bocciata con 17 voti contrari, 10 favorevoli e 2 astenuti (Vincenzo Cucci e Piercarlo Benedicenti del Centro democratico indipendente). L’unica concessione è una commissione consiliare, ma cittadini, associazioni e minoranze preparano altre iniziative: non è esclusa l’ipotesi ultima del referendum.

La Redazione

 

  [ Indietro ]  Stampa questa pagina  Invia questa pagina ad un amico

 
 

Attività Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatà di Chieri
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quali argomenti, relativi al Chierese, vorresti che venissero approfonditi?
eventi culturali
tempo libero
sport
politica
cronaca
altro
 
Chieri