Lunedì 24 Aprile
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicità
Home Attività Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
» Musei e Luoghi di interesse storico «
Chieri. Archeologia di una città nata da se stessa
La mostra, allestita in spazi restaurati nel seminterrato del Palazzo Comunale, espone al pubblico alcuni nuclei di reperti, dall’Età Romana al Basso Medioevo, ritrovati negli scavi archeologici condotti in città.
L’allestimento, arricchito da quattro brevi video trasmessi a ciclo continuo, presenta tre nuclei tematici: la ricostruzione di un drenaggio di anfore rinvenute nei pressi del Rio Tepice, un ampio spazio dedicato ai corredi funerari della necropoli scoperta a più riprese in viale Cappuccini, e una parte finale dedicata alle produzioni dei laterizi e ceramica nel chierese dall’età romana ai giorni nostri, nonché una collezione di oggetti realizzati dai ceramisti che collaborano con il Munlab Ecomuseo dell’Argilla di Cambiano.
 
Palazzo Comunale, via Palazzo di Città 10, ore 15 - 18
Info: Servizio Valorizzazione del Territorio 011.9428.412/408
Ingresso libero
 
 
Chieri. Museo del Tessile
Allestito nell´ex Convento di Santa Chiara, già opificio Levi, rappresenta il primo nucleo della raccolta di oggetti dell´attività tessile chierese: strumenti utilizzati per una attività prevalentemente manuale e strettamente collegata al lavoro agricolo, come gli attrezzi usati per la coltivazione del gualdo, per la tintura in azzurro delle pezze, per la bachicoltura, per la filatura e tessitura di cotone, lino, seta e per l’imbiancatura del tessuto di cotone.
 
Via Santa Clara ang. via Demaria, ore 15 - 18
Info: Fondazione Chierese per il Tessile e per il Museo del Tessile 011.9427421
info@fondazionetessilchieri.com
Ingresso libero
 
 
Andezeno. Museo delle Contadinerie
L’esposizione ospita centinaia di oggetti che appartenevano alla vita quotidiana della società contadina del Chierese. Possiede anche un’importante raccolta di circa 250 giocattoli in legno e latta, costruiti tra i primi anni del Novecento e gli anni Sessanta del secolo scorso.
 
Corso Vittorio Emanuele II 1, ore 15 – 18
Info: 011.9434214
Ingresso libero su prenotazione
 
 
Marentino. Casa Zuccala
Questa storica dimora del XVII secolo è una testimonianza perfettamente restaurata delle tipiche “vigne”, residenze di campagna delle famiglie borghesi piemontesi tra Seicento ed Ottocento.
La visita dura 2 ore circa.
 
Via Profonda 0, passaggi ore 15 e ore 17
Info: 011.9435343
Ingresso a pagamento su prenotazione € 7
 
 
Santena. Castello Benso di Cavour
Circondato da un parco all’inglese, ideato da Xavier Kurten, l’importante complesso monumentale, che comprende il castello (casa-museo che appartenne alle famiglie Benso di Santena e Cavour, Alfieri di Sostegno, Visconti Venosta), la Sala Diplomatica, il Parco, la tomba dei Cavour e la Torre, è gestito dalla Fondazione Cavour.
In questo ambito l’Associazione Amici della Fondazione Cavour è nata non solo con lo scopo di far conoscere la figura di Camillo Benso di Cavour, massimo fautore dell’Unità e della indipendenza italiana, ma anche per valorizzare il patrimonio storico, culturale e ambientale dei luoghi cavouriani di Santena.
 
Piazza Visconti Venosta 3, ore 15 - 18
Info: 011.9492155 – 011.9492274
Ingresso a pagamento con visita guidata, € 5 intero, € 2,50 ridotto (6-11 anni)
 
 
Riva presso Chieri. Palazzo Grosso
L’edificio è l’attuale sede dell’Amministrazione Comunale di Riva presso Chieri. Nel 1618 il Duca di Savoia Carlo Emanuele I donò alla sua favorita, Margherita Roussilon di Chatelard il castello di Riva, ricostruito dall’architetto Carlo di Castellamonte. Nel 1630 il castello passò ai Conti Grosso di Brozolo da cui prese il nome, e negli anni successivi subì un lento ma costante declino, finchè nel 1726 venne decisa la sua ricostruzione. Nel 1738 l’architetto Bernardo Vittone, già autore di altre opere a Riva, fornì nuovi disegni e planimetrie. I lavori di ricostruzione furono lunghi a causa di vari passaggi di eredità e di vicende storiche. Nel 1771 l’architetto Bays fornì nuovi disegni, ma il progetto definitivo lo si deve all’architetto Mario Ludovico Quarini, che fu incaricato dalla contessa Faustina Mazzetti di Montalero nel 1779.
 
Piazza Parrocchia (Municipio) 4, ore 15 - 18
Ingresso libero
 
 
Riva presso Chieri. Civico Museo del Paesaggio Sonoro
Una raccolta di strumenti musicali, curata da Domenico Torta e dai Musicanti di Riva presso Chieri, che intende documentare la musica di tradizione orale e tutti gli aspetti della cultura religiosa legata ad un territorio. L’allestimento provvisorio del Museo trova collocazione nelle splendide sale di Palazzo Grosso, con decorazioni e affreschi tardo settecenteschi a carattere tematico.
 
A cura di Associazione La Fruja e Associazione Culturale Il Carro
Info e prenotazione gruppi: Comune 011.9469103
Ingresso libero
 
 
Pessione - Chieri Museo Martini di Storia dell'Enologia
Dedicare un museo alla storia del vino fu nel 1961 una scelta del conte Lando Rossi di Montelera. Le 16 sale del museo sono state ambientate nelle cantine della storica palazzina che fu sede nel 1864 dei primi stabilimenti della Martini & Rossi. Oltre seicento i reperti esposti: un excursus sul vino dal primo millennio a.C. fino ai giorni nostri.
 
Piazza Luigi Rossi 2
Info: 011.94191

  [ Indietro ]  Stampa questa pagina  Invia questa pagina ad un amico

 
 

Attività Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatà di Chieri
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quali argomenti, relativi al Chierese, vorresti che venissero approfonditi?
eventi culturali
tempo libero
sport
politica
cronaca
altro
 
Chieri