Lunedì 27 Maggio
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicità
Home Attività Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
» Addio al "buco" e a 35 parcheggi - Sì al residence per anziani in piazza Brigata Alpina Taurinense «
Sì al residence e addio al “buco”: piazza Taurinense è pronta a trasformarsi da parcheggio in un complesso residenziale per persone con più di 65 anni. Ed è proprio il trasferimento di parte dei parcheggi pubblici in vicolo Bastioni della Mina a scatenare dubbi e polemiche durante l’approvazione dell’intervento in Consiglio comunale.
 
A scatenare la discussione è Roberto Quattrocolo, consigliere del Partito Democratico: «Non mi stupisco di questa approvazione: dopo la variante 20, le scelte cementificatorie della Giunta sono diventate plateali. Ma la ricucitura in via Principe Amedeo porta al Comune un piatto di lenticchie visto che le due aree interessate hanno valori diversi. L’interesse pubblico è inferiore a quello del privato, il quale ha condizionato fortemente l’iter di questo progetto. Mi domando anche se si realizzerà davvero un residence per anziani o si tratterà di una forma camuffata di lottizzazione edilizia per scopi residenziali».
 
C’è chi non è d’accordo con lui neppure all’interno dello stesso partito, come Riccardo Civera, in Giunta ai tempi di Piero Giovannone, assessore all’urbanistica che ha promosso più di tutti l’intervento. Considera il consigliere: «E’ giusto portare a termine un progetto che si trascina da troppi anni. E l’area di Bastioni della Mina serve alla città perché vicina alla Chiocciola. Ma resta un dubbio: siamo sicuri che il Comune non ci perda nello scambio con piazza Taurinense?».
Il Pd si dimostra ancora una volta poco compatto quando si tratta di discutere argomenti del passato: Quattrocolo e Paolo Bagna, al contrario di Civera, fino al giugno 2009 erano all’opposizione e avevano sempre criticato il progetto della Residence Principe Amedeo, società che fa a capo all’ impresario Sergio Manolino, anche segretario della Lista per Chieri.
 

Piazza Brigata Alpina Taurinense oggetto del PEC della Residence Principe Amedeo: 35 posti auto
verranno spostati ai Bastioni della Mina e 25 finirebbero al piano interrato.
 
Alla fine della discussione e dopo una sospensione per decidere il da farsi, il Partito Democratico, sceglie di non partecipare al voto: troppi i dubbi tra quanto fatto nelle scorse legislature e quanto stabilito dell’attuale Giunta. Fa eccezione Piercarlo Benedicenti, il quale si schiera a favore dell’intervento.

Dice sì al progetto di piazza Taurinense anche la maggioranza al completo, con il solo Giampietro Toaldo della Lega Nord astenuto. Si approva così il via libera definitivo al progetto: l’ultimo passaggio in Consiglio era necessario per svincolare piazza Taurinense e per acquisire l’area di vicolo Bastioni della Mina, dove sorgeranno i parcheggi che compenseranno la perdita di quelli che si affacciano su via Principe Amedeo.
 
Nei prossimi giorni la Giunta approverà anche la convenzione con il privato. Al posto di quel “buco”, sorgerà un residence per anziani con una trentina di alloggi.
Sarà uno stabile di tre piani fuori terra (più il sottotetto abitabile) e un parcheggio interrato pubblico e privato. La palazzina riprenderà le forme di palazzo Biscaretti, l’edificio che occupava quegli spazi. La facciata con le lesene, il colonnato, l’intonaco e le persiane riprendono lo stile del centro storico.
 
I posti auto pubblici saranno ridotti, passando da 60 a 25. Nella nuova area vicino al Bastione ne sorgeranno 36, realizzati direttamente dal privato e lasciati senza pedaggio.
«Un piatto di lenticchie» secondo Quattrocolo e anche meno per Giovannone: l’ex assessore all’urbanistica sostiene che quell’area fosse già prevista dagli accordi con il privato e che quindi Chieri dovesse pretendere di più.
 
Ribatte l’attuale assessore Luciano Paciello: «Nato come pubblico, questo intervento è stato rivisto, con aumenti di cubatura e nuove regole fissate dai miei predecessori. Forse Giovannone dovrebbe spiegare il perché».
E da sempre c’è stato il problema dei parcheggi: «E’ difficile reperirne nel centro storico. L’area di vicolo Bastioni è l’unica area disponibile. Mi spiace la posizione di Quattrocolo visto che in passato si sono approvati piani di recupero residenziali con zero posteggi e quindi nessun interesse pubblico. Invece stavolta il Comune avrà un parcheggio sostitutivo e in più il privato si accollerà direttamente la spesa del rifacimento di piazzetta Oasi».

Aggiunge Franco Bosco, oggi assessore e in passato capogruppo nell’opposizione di centrodestra: «Dovremmo essere coerenti e dispiace vedere consiglieri che dopo tanti anni di dibattiti cambia posizione».
 
Ribattono Antonio Maspoli e Fausto Ferrari (Pd): «L’intervento è da fare, anche se rimangono delle perplessità. La Giunta dovrebbe decidere una valutazione patrimoniale per non correre il rischio di andar troppo incontro al privato. Noi vorremmo essere sicuri che i due parcheggi possano essere considerati equivalenti e che la collettività non ci perda».
 
Dubbi che fanno uscire dall’aula il Partito Democratico. Eccetto Benedicenti, che mette da parte le perplessità e dice sì. Oltre a lui votano con la maggioranza anche Vincenzo Cucci (Idv) e Raffaele Furgiuele (Chieri Futura). Il punto passa tra le perplessità di molti, non solo all’interno del Consiglio.
 

  [ Indietro ]  Stampa questa pagina

 
 

Attività Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatà di Chieri
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quale azione ritieni prioritaria per il Chierese?
edilizia abitativa
favorire nuovi insediamenti industriali
favorire la creazione di un centro direzionale per aziende di servizi
parcheggi e viabilità
riorganizzazione del centro storico
potenziare l'ASL
servizi sociali
 
Chieri