Giovedì 29 Febbraio
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicità
Home Attività Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
20-01-2010
Sabato 23 gennaio, ore 17.00
Libreria dell'Arco
Via San Domenico 23, Chieri
 
in occasione della IX Edizione di InediTO 2010 - Premio Città di Chieri e Colline di Torino presentazione del romanzo "Una donna di troppo. La seconda indagine del maggiore Morosini nell'Africa italiana" di Giorgio Ballario (Edizioni Angolo Manzoni) interviene Bruno Babando a cura dell'Associazione culturale Il Camaleonte.
 

 
 
Tarda estate del 1935. L'Italia cerca di imporsi fra le potenze europee per conquistare un «posto al sole». La guerra con l'Abissinia è imminente e neppure l'intensa attività diplomatica sembra in grado di poterla scongiurare. In Somalia, dove il generale Graziani si accinge a lanciare l'offensiva dal "fronte sud", alcune morti misteriose seminano il panico e mettono a rischio l'avanzata delle truppe italiane. Si sospettano operazioni di sabotaggio delle spie del Negus oppure il misterioso disegno di bande criminali. Dall'Eritrea viene inviato a investigare il maggiore Aldo Morosini, accompagnato al maresciallo Barbagallo e dallo scium-basci Tesfaghì. Li accoglie una città oppressa dall'afa dei monsoni, ostile, pervasa da intrighi e trame di potere. L'indagine entra ben presto fra le pieghe più oscure dell'animo umano e della società coloniale, che dietro la facciata di perbenismo riproduce i vizi della madrepatria. Nella sua ricerca della erità Morosini incontrerà tanti ostacoli, pochi amici e molte donne. Compresa una di troppo. ...assorto nei miei cattivi pensieri, notavo appena lo splendido paesaggio che ci stavamo lasciando dietro, risalendo il corso dello Uebi Scebeli e attraversando la fertile piana di Genàle, fra una ragnatela di canali irrigui, sterminati campi di cotone e canna da ucchero, coltivazioni di tabacco e granturco, bananeti e allevamenti di zebù. Ma la mente ritornava alla figura del capitano, impettito nell'uniforme color sabbia, con i capelli rasati a zero, i baffetti sottili e gli occhi gelidi. Un'immagine che sarebbe restata soltanto nella memoria di chi l'aveva conosciuto, perché ormai il capitano non era che un corpo freddo, senza vita. Un altro cadavere fra i tanti che avevo visto nella mia vita militare...
 
 
Giorgio Ballario è nato a Torino nel 1964. Giornalista, appassionato di storia, ha lavorato per l'agenzia di stampa Agi, è stato corrispondente per quotidiani nazionali e redattore del settimanale Il Borghese.
Dal 1999 lavora a La Stampa, dove si occupa di cronaca nera e giudiziaria.
Nel 2008 ha pubblicato, per i tipi della Edizioni Angolo Manzoni, Morire è un attimo.
La prima indagine del maggiore Aldo Morosini nell'Eritrea italiana: "Un avvincente viaggio noir... un tuffo indietro in un'epoca che i romanzieri italiani non hanno mai frequentato molto volentieri..." (Cristina Marrone, "Il Corriere Della Sera").
 
 
Associazione culturale Il Camaleonte

  [ Indietro ]  Stampa questo articolo

 
 

Attività Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatà di Chieri
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quale azione ritieni prioritaria per il Chierese?
edilizia abitativa
favorire nuovi insediamenti industriali
favorire la creazione di un centro direzionale per aziende di servizi
parcheggi e viabilità
riorganizzazione del centro storico
potenziare l'ASL
servizi sociali
 
Chieri